Smetti di fare questi 4 errori quando utilizzi un teleobiettivo per i paesaggi

Ci sono molte cause per utilizzare i teleobiettivi nelle immagini panoramiche. Tuttavia, non arriva senza alcune difficoltà, e anche tu sei sicuro di fare degli errori. In questo video, Mark Denney affronta i 4 errori più tipici che le persone commettono quando utilizzano i teleobiettivi per le immagini panoramiche. È possibile che tu ne sia responsabile nel modo più efficace, quindi dai un’occhiata al video e ai suggerimenti di Mark per migliorare le tue immagini.

1. Micro-shake

L’errore principale è una cosa che Mark chiama “micro-shake”. È ovvio, tuttavia in un momento simile probabilmente il più problematico da risolvere. Mentre usi un teleobiettivo, noterai questi tremoli quando lo impugnerai, di solito possono certamente rovinare la nitidezza della tua immagine. Fortunatamente, ci sono un paio di metodi per risolvere questo problema.

All’inizio, metti la tua fotocamera digitale su un treppiede. È necessario utilizzare un set lontano in modo da non contattare il pulsante di scatto e evitare di trasferire la fotocamera. Anche tu puoi fare affidamento su un autoscatto, tuttavia assicurati di utilizzare un timer esteso rispetto a quando scatti con un obiettivo ad ampio angolo (5 e persino 10 secondi). In questo modo, darai alla tua fotocamera digitale e obiettivo un po ‘di tempo in più per sistemarsi.

C’è anche un semplice trucco che Mark condivide che potrebbe rendere più facile eliminare i micro-shake, ed è particolarmente utile per le giornate ventose: togli il paraluce se ti capita di non volerlo. Se ti capita di andare via, fornisce ulteriore spazio per il vento per scuotere la fotocamera.

Infine, puoi eventualmente attivare IBIS o OIS. Spesso non è suggerito quando la tua fotocamera digitale è su un treppiede, ma quando c’è vento e hai micro-shake, forse puoi farlo anche tu.

2. Otturatore graduale

Quando si utilizza un obiettivo grandangolare, la maggior parte dei fotografi seleziona l’apertura tra f / 11 ef / 16 perché desiderano mettere a fuoco l’intera scena. Tuttavia, ogni volta che si utilizza un teleobiettivo, la profondità dell’area non è altrettanto cruciale.

Considerando che il punto debole della maggior parte degli obiettivi è tondo f / 8, non hai alcun motivo per scattare con aperture più piccole. Mark significa che determini il punto debole del tuo obiettivo e dai un’occhiata a utilizzarlo come alternativa. In questo modo diventerai più delicato nell’obiettivo, il che implica che dovresti utilizzare un tempo di scatto più rapido e stare lontano da questi micro-tremoli di cui abbiamo parlato sopra.

Sarai in grado di aumentare il ritmo dell’otturatore molto di più aumentando l’ISO. Non vuoi andare troppo lontano, tuttavia aumentarlo da 100 a 400 potrebbe fare molta distinzione in termini di tempo di posa.

3. Zoom eccessivo

Questo è senza dubbio uno degli errori che Mark ammette di aver fatto e lo chiama “over-zoom”. Ciò implica lo zoom fino in fondo quando si utilizza un teleobiettivo zoom. Anche se potresti essere tentato di farlo, Mark suggerisce di allontanarti un po ‘di spazio respiratorio in più intorno alla tua composizione. Questo ti offre la possibilità di ricomporre lo scatto in sottomissione e di evitare di rimpiangere di non essere andato via abbastanza spazio per farlo.

4. Mushy-focus

Molte persone si affidano molto all’AF, e di certo è diventato effettivamente superiore nella maggior parte delle fotocamere e degli obiettivi. Ma quando una cosa è fondamentalmente lontana da noi, Mark osserva che la fotocamera in genere non blocca abbastanza la concentrazione su ciò che desideriamo. Per svelare questo, ti consiglia di utilizzare l’AF sull’argomento, dopodiché scambia immediatamente la tua fotocamera digitale con il focus del manuale. Quindi, usa il picco di messa a fuoco e modifica la concentrazione per renderlo buono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *